sabato 22 novembre 2008

NICOLAS, L'APPRENDISTA BABBO NATALE

Da giovedì 20 è in onda su Raidue, all’interno del contenitore "Cartoon Flakes", il cartone animato per bambini tra i 3 e gli 8 anni dal titolo "L’apprendista Babbo Natale" (in originale "Santapprentice"). Si tratta di una serie ideata e disegnata da Jan Van Rijsselberge e realizzata grazie alla collaborazione di diverse case di produzione europee, con in testa la francese Alphanim.

Il cartone, composto da 52 episodi di 13 minuti ciascuno, ha come protagonista un bambino di 8 anni a cui viene data la possibilità di diventare il nuovo Babbo Natale. Infatti esiste una regola secondo cui ogni Babbo Natale può prestare servizio al massimo 178 anni, alla fine dei quali si deve ritirare. Tuttavia, 15 anni prima di andare in pensione, il Babbo Natale in carica manda in missione gli elfi a cercare il sostituto ideale per prendere il suo posto. Il candidato dev’essere un orfano di nome Nicolas e deve avere il cuore puro. Il prescelto dagli elfi è un bambino australiano, Nicolas Barnsworth, che viene preso e condotto al Polo Nord.

Il piccolo avrà a disposizione 15 anni per imparare i trucchi del mestiere di Babbo Natale, come ad esempio venir giù dai camini, guidare la slitta, accudire le renne, recapitare i regali e inventare nuovi giocattoli. Nicolas scoprirà che Babbo Natale lavora sodo non soltanto sotto Natale, ma tutti i giorni dell’anno. Fortunatamente il capo degli elfi Humphrey, la renna Waldorf e il piccolo orso polare Rufus saranno a sua disposizione per aiutarlo, così come di conforto per lui sarà la presenza della signorina Gioiamore, dolce e paziente assistente di Babbo Natale

Per vedere come procede l'apprendistato del piccolo Nicolas, l'appuntamento su Raidue è dal lunedì al venerdì alle 7 di mattina.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti contenenti offese, volgarità o insulti nei confronti di qualsiasi persona o ente saranno cestinati.

Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi ai gestori del blog, tantomeno se il commento viene espresso in forma anonima.

Post più popolari